Cosa starà facendo Thorkell in Vinland Saga Episodio 15? Riuscirà a ritrovare Canuto e Askeladd dopo che gli sono sfuggiti?

Dopo le fatiche del Lucca Comics & Games, torniamo a parlare di Vinland Saga! Abbiamo presentato il manga qui e ormai abbiamo recensito gli episodi 01, 02, 03, 04, 05, 06, 07, 08, 09, 10, 11, 12, 13 e 14 dell’anime.

Questo episodio si intitola Dopo Yule, e non è uno speciale natalizio!

Sweyn e Floki infame in Vinland Saga Episodio 15
Sweyn e Floki infame in Vinland Saga Episodio 15

Vinland Saga Episodio 15: la trama

Vinland Saga Episodio 15 si apre con Floki infame che fa rapporto a re Sweyn, nudo su un grande letto, accudito da una schiava.

Non è chiara quale sia stata la sorte di Canuto, poiché è scomparso durante l’incendio della foresta. Sweyn commenta che, anche se fosse ancora vivo, suo figlio potrebbe essere soccorso solo con l’arrivo della primavera. Floki infame commenta che il re deve essere davvero preoccupato per Canuto, ma Sweyn ribatte che, se il principe fosse stato capace come suo fratello Harald, il maggiore, non si sarebbe perso.

Un Thorkell depresso in Vinland Saga Episodio 15
Un Thorkell depresso in Vinland Saga Episodio 15

Il riposo a Gloucester di Thorkell

Nel frattempo, Thorkell e i suoi uomini sono al sicuro a Gloucester, nel regno di Mercia. Sebbene abbiano cibo in abbondanza e siano riparati dal gelo, Thorkell è triste per aver perso Canuto. Sperava di poterlo incoronare lui re, per iniziare una nuova dinastia!

Per mandar giù la tristezza, Thorkell chiede agli Inglesi che li ospitano altra birra, con somma disperazione dei padroni di casa. Infatti, pare proprio che i Danesi stiano finendo tutte le provviste.

Nel frattempo, Thorkell è irrequieto, poiché lui è un guerriero e un guerriero può essere tale solo sul campo di battaglia. Asgeir però ha delle notizie: apparentemente, infatti, il consiglio del Wessex ha deciso di riconoscere Sweyn come Bretwalda. Questo porterà alla fine della guerra e alla conquista totale dell’Inghilterra da parte della Danimarca.

Thorkell è ulteriormente rattristato dalla prospettiva della pace: magari il mondo fosse perennemente in guerra con lui! Ma improvvisamente, compare un messaggero.

Questo è un manga in cui i padri sono spesso figure problematiche
Questo è un manga in cui i padri sono spesso figure problematiche

I dubbi morali sull’amore dei padri (e del Padre)

Nel frattempo, Askeladd e i suoi uomini stanno ancora svernando nel villaggio inglese saccheggiato. Orecchio è lasciato fuori, appostato per captare rumori di eventuali nemici, ma la neve attutisce i suoni e persino lui non riesce ad essere molto efficace.

Piuttosto, Orecchio è preoccupato che Canuto, Ragnar e il prete inginocchiati di fuori davanti alla tomba dei contadini possano attirare l’attenzione. Il prete prega per le anime degli abitanti del villaggio massacrati dai Danesi, sotto lo sguardo torvo di Thorfinn. Ma il sacerdote vacilla nella sua fede, e chiede a Dio perché li metta alla prova, nonostante siano inermi, e se davvero ami i suoi fedeli.

Ma Canuto non può sopportare le sue parole e gli intima di non parlare in questo modo. Dopo tutto, dice il principe, ogni padre ama il proprio figlio. Sentendolo, Thorfinn non può fare a meno che ripensare al proprio, di padre.

I poveri Inglesi in Vinland Saga Episodio 15
I poveri Inglesi in Vinland Saga Episodio 15

Buone notizie per Thorkell!

Nel frattempo, scopriamo che Anne è giunta a Gloucester, informando tanto gli Inglesi, quanto i Danesi della presenza di un centinaio di Danesi alle foci del fiume Severn. Thorkell ha pochi dubbi: dopo aver finto di prendere il mare e ora bloccati dalla neve, ecco ricomparire Thorfinn e Canuto.

Gli Inglesi speravano di sbarazzarsi degli ospiti invadenti, ma Thorkell ordina loro di preparare provviste per i suoi 500 uomini: comincia la caccia! E, se se la giocheranno bene, potranno godersi la guerra ancora a lungo!

Un Canuto improvvisamente cuoco in Vinland Saga Episodio 15!
Un Canuto improvvisamente cuoco in Vinland Saga Episodio 15!

Una zuppa di coniglio per Thorfinn

Orecchio però riesce a percepire gli assalitori, sebbene non possa determinarne il numero preciso. Comunicato le cattive notizie ad Askeladd e Bjorn, questi informano i due falegnami al lavoro sulle slitte di concludere il tutto entro la notte.

Askeladd ordina a Bjorn di scovare il comandante degli Inglesi che li stanno raggiungendo. Inoltre, aggiunge, questa potrebbe essere una buona possibilità anche per fare un’altra cosa. Nel frattempo, gli uomini di Askeladd si preparano per la battaglia, ma alcuni sono preoccupati: la fortuna del loro comandante si sta esaurendo!

Nel mentre, Ragnar nota che Thorfinn ha catturato un bel coniglio e lo invita a mangiare con lui e Canuto. Thorfinn resta senza parole a vedere il principe cucinare con fare esperto, e ancora più basito quando assaggia la buonissima zuppa che gli servono. È sinceramente stupito dal fatto che Canuto sappia cucinare, ma il principe gli risponde che si tratta di una sua passione, sebbene debba tenerla nascosta.

Thorfinn osserva che non c’è nulla di male a saper cucinare. Canuto, però, gli racconta di aver cucinato del merluzzo per suo padre Sweyn, il quale però non aveva apprezzato, sdegnato dal fatto che il figlio si comportasse come uno schiavo. Ragnar però suggerisce di cucinare di nuovo per Sweyn, dopo la fine della guerra, quando il re sarebbe stato meno impegnato.

L’agguato a Ragnar

La discussione è interrotta da un messaggero di Askeladd: il nemico li ha trovati ed è iniziata una battaglia nei boschi. Ragnar è furioso: dopo aver massacrato i contadini innocenti, sono comunque stati scoperti! Ragnar vuole parlare con Askeladd del suo piano di attraversare comunque la Mercia, ma il messaggero gli fa notare che il loro comandante è al fronte. Se gli vuole parlare, Ragnar dovrà andare là di persona.

Così, brontolando e imprecando, Ragnar segue il messaggero, ma si accorge di non star venendo condotto verso il campo di battaglia. Così, capisce di essere stato condotto in una trappola. Ma prima che possa estrarre una spada, Ragnar vede una punta di lancia uscire dal suo stomaco: un soldato nascosto nella neve lo ha trafitto alle spalle.

Sapendo di star per morire, Ragnar chiede ai propri assassini di portare Askeladd dal lui, per potergli rivelare una cosa. Nel frattempo, Canuto è scocciato, perché la zuppa di Ragnar si sta raffreddando.

Ragnar e Askeladd parlano al tramonto

I veri piani di Sweyn

Raggiunto il tutore del principe, Askeladd si complimenta con lui per aver tenuto in vita Canuto. Ora, la morte di Ragnar lo farà crescere ancora di più, e Askeladd si occuperà del principe, dopo che il suo tutore è stato “ucciso dagli Inglesi”. Ragnar fa giurare ad Askeladd di proteggere Canuto ad ogni costo.

A questo punto, Ragnar rivela ad Askeladd che la corte danese sta litigando su chi debba succedere al trono di Sweyn, se Canuto o Harald. Queste due fazioni ignorano ciò che vogliono i due eredi del re, sfruttandoli per guadagnare potere. Per timore di una scissione, Sweyn probabilmente ha già deciso di uccidere uno dei due principi. Per la precisione, il re ha deciso di mandare Canuto a morire in battaglia, contro Thorkell a Londra.

Ragnar prega Askeladd di portare Canuto in esilio per salvarlo: a Gainsborough, suo fratello li ospiterà. Crollando a terra, chiede di poter vedere per un’ultima volta il principe che ha cresciuto, ma Askeladd gli nega questa gentilezza. Ripensando alla promessa di cucinare insieme con Canuto, finita la guerra, Ragnar muore.

La morte di Ragnar
La morte di Ragnar

La morte di Ragnar in Vinland Saga Episodio 15

Che vi devo dire? Vinland Saga Episodio 14 e Vinland Saga Episodio 15 sono stati grandi portatori di magone.

Che Ragnar ci stesse simpatico o meno, la sua morte fa male, perché lo vediamo avere tantissimi rimpianti. Il non poter proteggere Canuto, ovviamente, è il rimpianto principale.

Dopo tutto, lui era la sola persona che vedesse Canuto come una persona, non come un’opportunità per guadagnare potere o un automa che deve ricoprire un ruolo. Ai suoi sostenitori politici non importa nulla se il principe è felice, è al sicuro o morirà per perseguire le loro aspirazioni. Anche ad Askeladd non importa che Canuto sopravviva, se non sarà utile ai suoi scopi. Persino al suo stesso padre, Sweyn, non interessa nulla della vita di Canuto, ora che è diventato un problema.

Compassione: una qualità che può costare cara

Praticamente, da quando è morto Thors, Ragnar è la persona più compassionevole che abbiamo incontrato. Pur con i suoi modi burberi, si vede che tiene alle persone e che è una persona amorevole e gentile.

In quest’ultimo episodio, lo vediamo persino avvicinare Thorfinn, che per la prima volta in anni si ritrova in un ambiente familiare, tranquillo, simile a quello che aveva conosciuto con i propri genitori in Islanda. Viene da chiedersi se Thorfinn avrebbe potuto riacquistare una vita normale, stando con Canuto e Ragnar. Soprattutto se pensiamo al fatto che Thorfinn sembra essere una delle poche persone a non aver problemi col fatto che Canuto cucini!

Comunque, sebbene sapessimo che Askeladd pianificasse di uccidere Ragnar, il fatto che muoia davvero ci coglie quasi alla sprovvista. Tuttavia, ciò ci mostra di nuovo qualcosa che Vinland Saga ha sempre messo in chiaro: la troppa fiducia negli altri e la volontà di non essere infami, in questo manga, si paga cara, se non si è capaci di sopravvivere. E Ragnar, in Vinland Saga Episodio 15, ha pagato, anche troppo.

Askeladd è sempre fotogenico, comunque
Askeladd è sempre fotogenico, comunque

Conclusioni su Vinland Saga Episodio 15

Insomma, un altro episodio deprimente, a parte i bei momenti con Thorkell. Thorkell sta diventando la mia maggiore fonte di gioie, in Vinland Saga.

In realtà, in Vinland Saga Episodio 15 c’è molta pucciosità e vediamo molti bei momenti tra i personaggi. Purtroppo, l’ombra di un nuovo inseguimento e la morte di Ragnar non aiutano il morale di nessuno, compreso il nostro. Fa però piacere vedere Canuto e Thorfinn interagire in maniera quasi amichevole.

Riusciamo anche a comprendere meglio le motivazioni del principe, cresciuto da un padre che non lo ama, ma che lui vuole comunque compiacere. Canuto evidentemente non sa delle intenzioni di Sweyn e crede, o vuole disperatamente credere, che suo padre lo ami.

Askeladd è come al solito un ottimo personaggio, che non si abbassa a vendette meschine, ma de facto ascolta Ragnar e giura di difendere Canuto. Quanto poi sia sincero e quanto effettivamente farà per assicurarsi che il principe sopravviva, è tutto da vedere.

Menzione speciale per i bellissimi colori della puntata: tra albe e tramonti nella neve, abbiamo delle palette spettacolari. È molto bello, poi, come la luce viri sempre più verso il tramonto durante l’episodio, fino ad inscurirsi in un crepuscolo, alla morte di Ragnar.

Speriamo che mantengano questa qualità anche nel prossimo episodio!

Se vi piace il nostro lavoro (oltre a Mastera la Master) e volete contenuti aggiuntivi solo per voi, supportateci su Patreon!
Se vi piace il nostro lavoro (oltre a Mastera la Master) e volete contenuti aggiuntivi solo per voi, supportateci su Patreon!
Oppure, potete offrirci un caffè!
Oppure, potete offrirci un caffè!

Pin It on Pinterest

Share This