Rising Sun è un gioco da tavolo della CMON (CoolMiniOrNot), editore di giochi da tavolo e miniature. Il titolo è stato prodotto ed ha ottenuto una così ampia notorietà grazie, fra le altre cose, ad una campagna Kickstarter di enorme successo. Potete trovare il gioco a questo link.

L’autore è Eric M. Lang, già autore del rinomato Blood Rage e Caos nel Vecchio Mondo. Rising Sun è un titolo strategico da 3 a 5 giocatori (6 con le espansioni), il cui obiettivo è quello di ottenere il controllo di determinati territori e accumulare Punti Vittoria.

Nel gioco, ciascun giocatore si trova alla guida di uno dei clan maggiori (Koi, Libellula, Bonsai, Loto, Tartaruga) nel Giappone feudale, con una forte componente legata alla mitologia nipponica.

Onorevoli samurai, Kami (divinità e spiriti), Oni (pericolosi demoni) e leggendari draghi, prenderanno parte a questa lotta per il controllo del Giappone.

Altro e fondamentale elemento, grazie al quale questo gioco ha raggiunto la notorietà che possiede, sono le miniature, elemento che sempre più attira i giocatori. È di grande effetto, durante una partita, vedere la plancia piena di creature gigantesche e samurai!

Panoramica sul Titolo

una partita di Rising Sun

Le regole di Rising Sun sono molto semplici. Una partita si compone di tre round, ciascuno dei quali è composto da tre fasi.

Fase alleanza, nella quale i giocatori decidono se allearsi con un altro clan o meno. Elemento strategico fondamentale del gioco, l’alleanza stretta fra due clan porta vantaggi nella fase successiva e può essere tradita solo attraverso una specifica azione nella fase dei mandati politici.

Fase dei mandati politici, nella quale i giocatori mettono in piedi la loro strategia e si preparano alla terza fase. In questa fase è possibile reclutare nuove truppe, acquisirne altre, ottenere potenziamenti, creature leggendarie e abilità uniche. Il tutto viene gestito attraverso una meccanica di draft.

La terza ed ultima è la fase di guerra, nella quale si andrà a determinare chi si aggiudica il controllo delle varie regioni. La fase di combattimento risulta estremamente pulita e semplice. Durante questa fase la casualità è ridotta a zero. Si combatte solo in determinate regioni, definite ad inizio round e prima di risolvere ciascuna regione, i partecipanti devono rivelare le risorse a propria disposizione. Dopo aver rivelato le risorse, la fase si svolge con una meccanica riconducibile ad un asta con puntate coperte.

I giocatori possono inoltre mandare alcune unità in loro possesso a venerare i Kami, avendo così la possibilità di ottenere vantaggi.

Una partita dura circa 40 minuti a giocatore, se si ha già un minimo di dimestichezza con le regole.

Le strategie da intraprendere sono fortemente influenzate dalla scelta iniziale del clan, ciascuno dei clan possiede infatti un’abilità unica che ne determina i punti di forza.

Riflessioni Finali su Rising Sun

la plancia del gioco da tavolo

Considero Rising Sun un ottimo gioco. L’aspetto che più mi ha intrigato è lo scoprire e provare sempre nuove strategie per vincere le partite. È possibile ad esempio, pianificando la strategia dall’inizio, vincere la partita perdendo ogni scontro.

L’unico aspetto negativo che mi viene in mente è il numero di giocatori. È un gioco da 3-5 giocatori (possedendo solo la scatola base), che può arrivare a 6 (il clan della Volpe, oltre gli altri componenti) se si è in possesso delle componenti kickstarter, Daimyo Box, oppure ad 8 con l’espansione Dynasty Invasion (con i clan Sole e Luna).

Come già detto, per essere giocato al meglio, è necessario che il numero di giocatori sia pari (4, 6 o 8), così da far entrare in gioco la meccanica delle alleanze senza sbilanciare troppo le parti. Questa limitazione del numero di giocatori può rendere difficile riuscire ad imbastire una partita.

Sempre per godersi al meglio una partita sono, purtroppo, necessarie le espansioni. Dynasty Invasion (con i nuovi clan e divinità). Kami Unbound, che aggiunge la possibilità, una volta ottenuto il favore di un kami, di schierarlo in campo, fornendo così nuove abilità e capacità alle truppe. Monster Pack che, come suggerisce il nome, aggiunge nuovi mostri a quelli a già presenti.

La Daimyo Box, completa la “collezione”, dato che contiene tutto il materiale sbloccato durante la campagna kickstarter, ma è purtroppo disponibile solo per chi vi ha partecipato. Utilizzando a rotazione tutto il materiale aggiuntivo (nuovi mostri, il clan della Volpe, e tanti oggetti accessori), l’esperienza di gioco si accresce notevolmente.

Dopo innumerevoli partite, non mi sono ancora stancato, riesco ogni volta a trovare nuove strategie da esplorare con clan diversi. Nonostante sia passato ormai più di un anno dalla sua uscita, ad oggi, ancora non ho trovato un titolo che lo possa “sostituire”. La considerevole varietà di combinazioni fra Clan e “mostri” schierabili in campo, considerando tutte le espansioni e i contenuti in esclusiva kickstarter, rendono sempre possibile nuove partite.

Nell’ultimo anno sono usciti innumerevoli giochi che puntavano molto sulla qualità e quantità di miniature, del resto è la moda del momento. Tuttavia nessuno di loro, credo, può rivaleggiare con Rising Sun, non tanto sul lato miniature, quanto proprio sul livello di meccaniche di gioco. Il regolamento è semplice ma ben studiato, il che lo rende un ottimo titolo e fruibile da tutti, in grado di intrattenere e regalare piacevoli serate.

Pin It on Pinterest

Share This