Un’ingiustizia può essere compensata da un’altra uguale e contraria?

Per Riot Games, l’azienda proprietaria del noto gioco multiplayer online battle arena League of Legends, la risposta è affermativa. Durante il Pax West, l’azienda americana ha tenuto un workshop dedicato al game design e all’industria del gaming in generale, peccato che l’evento non fosse aperto a tutti. I giovani che si sono avvicinati hanno, infatti, trovato il seguente cartello:

Incuriositi da un workshop di Riot Games, hanno tentato di partecipare, salvo venir allontanati in malo modo. A rendere più interessante la vicenda, come se già di per sé non suscitasse abbastanza riflessioni, sono stati i commenti e i comportamenti di parte dello staff della Riot a seguito dell’evento.

Cosa dice la legge?

Parleremo dell’aspetto etico tra poco, dopo esserci concentrati sul lato legale della questione: Riot Games ha discriminato delle persone basandosi sul genere. Questo tipo di scelta è illegale negli Stati Uniti e, più nello specifico, nello stato in cui si è tenuto il Pax West: Washington. Alcuni utenti hanno preso il coraggio a due mani e hanno denunciato l’azienda, sperando che la legge potesse finalmente porre termine alle discriminazioni. Per un’industria del gaming migliore, ci auguriamo che qualcuno di autorevole ricordi a Riot Games che due torti non facciano una ragione.

Il problema riportato dalla software house è reale e tangibile: in tutta l’industria videoludica, solo una posizione lavorativa su cinque è ricoperta da donne. Questo può forse voler dire che, per bilanciare la cosa, sia giusto o corretto compromettere le possibilità degli uomini?

ASSOLUTAMENTE NO!

Ci sono dozzine di metodi (legali, altamente inclusivi e moralmente corretti) per attrarre un pubblico femminile e non binario. Ovviamente la bacchetta magica non esiste e anche la migliore delle idee necessita del giusto tempo affinché si possano vedere i risultati. Prendere invece la strada facile porta solo e soltanto a discriminazioni.

Il volto dello scandalo

L’impiegato Riot Daniel Z Klein, ideatore della proposta, è diventato velocemente l’uomo sulla bocca di tutti grazie al subreddit di LoL. In una serie di tweet, che internet non dimenticherà, l’uomo si è lanciato in tutta una serie di considerazioni riassumibili come: non si può discriminare un uomo e non può esistere il razzismo contro gli uomini bianchi.

Sebbene nessuno neghi le discriminazioni che quotidianamente subite dalle donne, le persone nere e gli appartenenti alla comunità LGBT, trovo che questo tipo di discorsi tolgano valore alle parole. Il sessismo è un’azione, un pensiero, una frase, un’espressione che sia influenzata dal sesso di una persona. Il razzismo è un’azione, un pensiero, una frase, un’espressione che sia influenzata dal colore della pelle di una persona. Questo significa che, per definizione stessa di tali parole, le donne possano discriminare gli uomini e i neri possano discriminare i bianchi. Non è detto che lo facciano nel nostro presente, tutt’altro, ma negare concettualmente questa possibilità è pericolosissimo.

Dopo le parole di Daniel Z Klein, la comunità di giocatori e la stampa videoludica (incredibilmente unita, una volta tanto) si sono concentrate sulla vicenda per lanciare il loro messaggio di solidarietà a uomini, donne e a tutti coloro che vogliano approcciarsi al mondo del gaming. Sfortunatamente tali messaggi sono stati accolti in due modi: insulti come “manbaby” e “crybaby” e, ancora meglio, l’essere bloccati da account Twitter e Reddit ufficiali. La stessa Riot Games, come azienda, sta attuando in queste ore una vera e propria epurazione di ogni pagina, commento, discussione su reddit ecc… che possano richiamare la vicenda.

L’industria videoludica ha già dato la sua risposta, si vedrà quella della giustizia americana.

Pin It on Pinterest

Share This