Coriolis: Diario di M.A.D.A.R

Ciò che state leggendo fa parte della rubrica settimanale riguardante la nostra campagna di Coriolis, Di Necessità Virtù. Il riassunto riguarderà la sessione in corso e aggiungerà anche informazioni riguardo la sessione successiva. Il contenuto pullula di spoiler, ovviamente.

Sabbia Siamo

L’equipaggio raggiunge senza troppi problemi Aiwaz, sistema nel quale è già stato, per incontrare Il Liberatore. I caccia di scorta a l’Erede pattugliano i cieli mentre la grossa nave attracca ad uno dei pochi pontili del Palazzo dei Sognatori, un immane palazzo al centro della capitale di Aiwaz.

Una volta scesi, l’equipaggio si trova davanti ad un nutrito gruppo di nobili, aristocratici e cortigiani; sono questi che li scortano verso una serra dove, finalmente, incontrano il Liberatore. L’uomo, paralizzato su di una carrozzina, mostra all’equipaggio ciò che rimane di Lea al gruppo, chiedendo loro di combattere per la parte giusta (la sua, ovviamente).

Vista la carenza di informazioni e garanzie l’equipaggio sembra essere un po’ restio ad accettare la proposta del Liberatore, ma le successive informazioni sono terribilmente convincenti. Sembra, difatti, che il Liberatore:

  • Sia una sorta di combattente proveniente dal Secondo Orizzonte, esattamente come Ismael. Si rivolge difatti a lui nella lingua del secondo orizzonte per convincerlo.
  • Faccia parte dei Nomadi, che erano nel Terzo Orizzonte da ben prima della fondazione e di qualsivoglia altra fazione. Combatte da parecchio tempo il Consorzio.
  • Ha informazioni riguardanti l’artefatto che il gruppo ha trovato sulla stazione Salazar III, una chiave di accesso ad un sarcofago, trovato sotto il monolito, alimentato a Bionio 322, in grado di trasformare le persone in emissari.
  • Fa parte di un insieme di fazioni tra le quali l’Ordine dei Paria, i Draconiti, il Sindacato, Il Tempio di Ahlam. Ismael riesce difatti a strappare la promessa di libertà per Ardashir.

Il gruppo decide quindi di combattere a fianco del Liberatore: si dirigerà a Zhau dove dovrà concludere le operazioni nella Base di Turk Birol, condotte dal Governatore Iltay Nabi. Mentre la nave si stacca dai pontili, il gruppo organizza nei minimi dettagli il piano di infiltrazione, azione e estrazione.

Pin It on Pinterest