Coriolis: Diario di M.A.D.A.R

Ciò che state leggendo fa parte della rubrica settimanale riguardante la nostra campagna di Coriolis, Di Necessità Virtù. Il riassunto riguarderà la sessione in corso e aggiungerà anche informazioni riguardo la sessione successiva. Il contenuto pullula di spoiler, ovviamente. L’intero riassunto verrà esposto dal punto di vista di M.A.D.A.R, l’Intelligenza Artificiale della nave Stargazer.

Divinità tra Uomini – Prima Parte

Il nostro Ardashir e le sue memorie. 
Disegno di Alessia
Il nostro Ardashir e le sue memorie.
Disegno di Alessia

L’equipaggio entra nell’orbita di Mira nel momento delle celebrazioni dei fiori; la festività porta nella città esorbitanti quantità di turisti che, uniti alle orde di pellegrini, trasformano la città in un fiume umano.

La missione dell’equipaggio è quella di recuperare il pilota Al’Malik, già conosciuto da Reem per via traverse alla sua carriera. L’appuntamento è già determinato: un piccolo locale sui pontili di atterraggio.

In questa sessione avevo il doppio compito di inserire Francesco, il pilota, e disegnare la sessione su Ardashir. D’altronde in ogni serie c’è almeno una puntata incentrata sui personaggi, e questa volta toccava al nostro omone. Non è stato, però un compito facile: non volevo mettere in ombra nessuno e allo stesso tempo tutti avevano qualcosa da fare, da dire e da guardare.

L’equipaggio è arrivato nel locale dove li aspettava Al Malik; Il Capitano viene incoronata come da usanza ed il pilota è stato lieto di diventare membro dell’equipaggio; è seguita una libera uscita propiziatoria.

Libera Uscita – Fine Garantita

Ardashir si è subito recato al tempio della Giudice (Martire) per pregare la sua Icona. All’interno della Piazza del Pellegrino ha assistito ad una strana visione; sabbia rossa arriva quasi a sommergerlo e lo trascina in un deserto senza fine, con solo le due statue del Corifeo e della Giudice inalterate. Da dietro quest’ultima esce un individuo su un dromedario, dalla testa incoronata e dai tratti indefiniti. Parla ad Ardashir come una belva si rivolge ad un umano, e profetizza al guerriero che troverà la verità solo guardando le scienze. Due individui ricoperti di veli neri, lontani, cominciando ad avvicinarsi, mentre la visione scompare e lascia il Paria tra i Paria di stucco.

Il nostro cannoniere decide di andare comunque al tempio della Giudice e di recarsi successivamente alla libreria di Mira, rifornita su tutta la conoscenza dei precursori: qui incontra due Zalosiani. L’incontro sembra puntare verso una fine decisamente ingloriosa ma, inaspettatamente, i due lasciano perdere Ardashir, che viene richiamato all’ordine da Ismael. Mentre esce, trafelato, dalla libreria, riconosce in una terza Zalosiana i tratti di una giovane incontrata anni prima, e salvata da un tragico destino.

Le ragazze a bordo, alle volte, sono misteriose e riservate. M.A.D.A.R approva.
Le ragazze a bordo, alle volte, sono misteriose e riservate. M.A.D.A.R approva. Disegni di Alessia

Mi piace lavorare su Ardashir perché è riuscito a diventare in poco tempo un meme nel gruppo e, come dicevo un po’ in là, a volte mi sfugge il suo modo di agire. Con questa sessione ho voluto metterlo alla prova: visioni, richieste di aiuto, combattimenti; tutto serviva per boostare il suo ruolo e vedere come si sarebbe comportato. Non mi ha deluso.

Reem decide di accompagnare il buon Han’nam a fare compere, visto che Haydeè si defila e di Ismael, Ja’Far e Al-Malik non c’è traccia. La giovane brilla durante le contrattazioni, mentre scopre che il vecchio sacerdote è tutto fuorché un membro pericoloso. Ismael e Al Malik condividono per alcuni istanti la stessa scena, trovandosi inseriti in una gara clandestina di Dhol nelle quali il pilota mostra le sue innate capacità.

Successivamente i tre si riuniscono (Ja’Far è rimasto sulla Stargazer in compagnia di M.A.D.A.R) e, mentre Ismael, Han’nam e Reem decidono di far visita alla città tempio, Al-Malik decide di andare a vedere la nave, trovandovi sopra un localizzatore. È segno che le cose non stanno andando bene.

Quando le cose peggiorano…

Le cose cominciano a peggiorare quando i tre raggiungono il tempio: Reem viene difatti prelevata assieme ad Han’nam da una cellula della Legione, nonostante gli egregi sforzi di Ismael.

Qui ho compiuto un errore che mi ha fatto profondamente comprendere quanto un agitatore in mezzo ad una folla possa essere…terrificante. Riccardo è stato superbo ad utilizzare la sua classe per far rivoltare i fedeli verso i suoi nemici, ed è stato solo grazie a Reem se il suo piano non è riuscito. (Grazie Ale per essere così dolce e premurosa verso il tuo equipaggio, rendi i miei binari meno difficili).

La Visione di Ardashir, disegnata da Alessia
La Visione di Ardashir, disegnata da Alessia

L’equipaggio al completo segue la cellula della Legione fino ad una casa fuori dalla zona calda di Mira: i preparativi, però, vengono resi quasi inutili grazie ad Al-Malik che, con un tiro fortunato, mette fuori gioco il capo della legione, mentre…qualcosa succede al resto dei nemici. Qualcosa di terrificante.

L’equipaggio sa che dovrà sbrigarsi ad abbandonare la città delle Icone, visto che la Legione non sembra volersi fermare nemmeno davanti alla fede.

Considerazioni sparse: per fare una puntata su di un personaggio devo per forza mandare in ombra qualcuno, ed è una cosa che non mi piace troppo né piace ai giocatori, per quanto piacevole esternamente. Alcune puntate saranno rivolte a dei particolari personaggi, almeno d’ora in avanti, senza lasciare gli altri troppo in ombra. Cercherò anche di fare meno railroad, in quanto mi son trovato a improvvisare un paio di situazioni.

Preludio: Amabili Resti

La Stargazer parte da Mira due giorni dopo, in direzione della stazione portale. Fin da subito notano che la stazione è guardata a vista da navi della Legione, pertanto si accodano ad un cargo diretto verso Odacon e all’ultimo riescono a fuggire. Le navi della Legione seguono la Stargazer nella Tenebra oltre le Stelle, giungendo con essa su Odacon ma sfasate spazialmente e con i motori in avaria.

La Stargazer dovrà trovare un modo di bypassare le legioni: i relitti di Odacon potrebbero custodire una chiave. Una debole radiazione di fondo, difatti, allerta M.A.D.A.R. Quello che sembra essere un portale giace, dormiente, nell’orbita di Dan’namt, il Gigante Gassoso di Odacon.

Se vi sono piaciute le immagini, non dimenticate di seguire la nostra bravissima disegnatrice Alessia Sagnotti. Qui trovate la sua pagina.

La prossima sessione sarà lunedì 30 settembre!

Pin It on Pinterest