Combat Folio!
Sapete di cosa stiamo parlando?
Combat Folio è una scheda di combattimento cancellabile per la 5e di D&D da utilizzare con dadi in gomma esclusivi e pennarelli lavabili.

Creato dalle menti di Nerd Motel, questo prodotto si presenta come unico nel suo genere, ma soprattutto, ecologico!
La possibilità di cancellare e riutilizzare questa scheda all’infinito, rende questa idea, che a breve approderà su Kickstarter, utile per evitare lo spreco di carta, annoso problema che affligge tutte le campagne cartacee.

Stop allo spreco di carta, alle schede scarabocchiate a mano, alle condizioni dimenticate e agli errori. Combat Folio è lo strumento definitivo per master e giocatori.
Combat Folio è assolutamente intuitivo e facile da usare. Un unico foglio plastificato vi permetterà di tenere traccia di tutte le fase degli incontri tra mostri e giocatori. E questo grazie a un sistema a griglia ottimizzato con descrizioni sintetiche e icone per riconoscere velocemente ogni condizione.

Analizziamo il progetto Combat Folio

Una delle caratteristiche essenziali di questo progetto è l’aver massimizzato lo spazio disponibile dietro lo schermo del Master o accanto alla scheda personaggio, eliminando così i tempi morti per la creazione degli schemi di combattimento. Magari forse non ce ne ricordiamo più dopo essere stati lontani dai tavoli per tanto tempo, ma uno dei momenti più drammatici era dover ricordare i vari bonus e malus e tener traccia di tutte le condizioni.

Il concept del prodotto è lineare: condizioni, punti ferita e tiri iniziativa sono in rapido e continuo mutamento durante la battaglia e tenere tutto sotto controllo è una sfida, ma con questo strumento diventerà tutto molto più semplice.
Oltre a ciò, la scheda è resistente al calore, all’acqua ed è facile da trasportare, dato che potrà essere inserita in qualunque manuale. È inoltre riscrivibile innumerevoli volte e può anche essere lavata con liquidi a base alcoolica.

Ma non è finita qui, c’è ancora un’altra sorpresa! Troverete, infatti, anche qualcosa di unico e collezionabile: il primo set di dadi realizzato interamente in gomma morbida. Forgiati in un unico stampo metallico di altissima qualità, sono pensati per essere utilizzati sia per i normali tiri durante il gioco, sia per cancellare i dati sulla scheda.
Sono i primi dadi a forma di gomma, o, se preferite, le prime gomme a forma di dado che rispettano la dimensione canonica. Non ne esistono di eguali al mondo! 

Non vi basta? Allora andiamo con le domande!

Combat Folio dadi cancellabili

Ma andiamo ad intervistare i creatori di Combat Folio

Il primo punto ovviamente è il prezzo, essendo un prodotto accessorio il prezzo è molto importante. Puoi dirci quale sarà il prezzo ed eventuali stretch goal?

Ci rendiamo conto che trattandosi di un accessorio non possiamo (e non vogliamo) raggiungere i prezzi delle ambientazioni e dei manuali presentati nel corso di questi anni. Come hai detto il Combat Folio è un accessorio, perciò la sua versione base deve essere accessibile a tutti perché vogliamo che sia utilizzata dal maggior numero possibile di giocatori e master. Questo tool è estremamente versatile e può essere usato sia dai master che dai giocatori. Personalmente, quando mastero una campagna, do dei compiti specifici a ciascun giocatore. Uno di loro di solito tiene conto delle fasi degli scontri. In questi mesi di testing hanno gestito loro il Combat Folio.

Lavoriamo per l’80% con aziende italiane per cercare di sostenere il mercato interno nel nostro piccolo, quindi alcuni costi sono lievitati per forza di cose. I dadi sono artigianali, gli stampi li abbiamo prodotti noi e ci vogliono alcune ore per produrre un intero set, dobbiamo tenere conto anche di questo. La controparte è che ogni dado è unico e si ha davvero l’idea di avere tra le mani un prodotto non creato in serie.

Non possiamo ancora rivelare la cifra finale della versione base, non vogliamo sbilanciarci. Possiamo però dirvi, che avrà un prezzo contenuto, probabilmente con due scelte: una versione normal ed una deluxe.
Gli stretch goals saranno l’aggiunta di materiale: dadi, pennarelli e plance, dipende dalla risposta del pubblico. Anche questi sono in continuo divenire. Proprio ieri siamo riusciti ad aggiungere il colore ai numeri. Sembra che i dadi molti li usino anche per giocare, non solo come anti stress e per cancellare i pennarelli. Non ci aspettavamo questa grande risposta dal pubblico. Quindi vedremo per gli stretch goals, cerchiamo di aggiungere più materiale possibile.

Una cosa che potreste gradire sarà l’inserimento delle spese di spedizione nei costi totali del pledge, almeno per l’Italia. Quindi niente sorprese e sovrapprezzi alla fine della campagna. Stiamo lavorando da settimane su questo aspetto e speriamo di spuntarla.
Sappiamo che chi sostiene questo tipo di campagne è abituato a considerare certe spese accessorie, ma sarebbe davvero un bel regalo e un bell’achievement per noi.

I colori dei dadi? Avete intenzione di usare quelli dei Draghi Cromatici? Sapendo che non saranno apprezzati allo stesso modo, come intendono determinare le proporzioni da produrre? No perché se ci fossero dei dadi rosa shock io sarei felicissimo!

Beh, questo è semplice. Noi creiamo gli stampi e i siliconi utilizzati sono sempre gli stessi. Per motivi legati alla produzione non posso scendere nel dettaglio, ma in base alla richiesta dei colori ci sarà un total budget dedicato alle vernici atossiche che vanno mescolate con i materiali. Molti pensano che il colore che vedono sui dadi sia superficiale. In realtà il dado è tutto di quel colore, dal nucleo alla superficie. Probabilmente inserirò anche un video in cui mostrerò l’interno del dado ma ogni volta che avvicino il seghetto per aprirlo beh… ci ripenso, mi spiace rovinarlo.

Aggiungerete una mappa pieghevole nel caso? Misure?

No. Non è prevista. Il perché è presto detto: la plastificazione. Almeno non potrà essere piegata in due, anche se la plancia morbida può essere in parte arrotolata. Questo è dipeso dalla resistenza della plastificazione, rischia di rovinarsi. Per questo entrambe le plance hanno un formato standard: A4. Possono essere inserite con semplicità all’interno dei manuali, inoltre forniamo una busta impermeabile per trasportare schede, materiale e, naturalmente, il Combat Folio.

In un momento come quello attuale, avete pensato anche per caso di fare una versione pdf compilabile da allegare?

Ci sarà. Farà parte del pledge digitale. Siamo consapevoli che il fascino del DiY è forte, per questo forniremo anche una ricompensa digitale allegando istruzioni e consigli su come costruirsi il proprio Combat Folio. Le istruzioni saranno in inglese ed in italiano mentre la plancia sarà realizzata in sette lingue in base alla richiesta (italiano, inglese, tedesco, francese, russo, spagnolo e portoghese), esattamente come la versione fisica. Chi deciderà di prendere la versione fisica avrà anche la versione digitale naturalmente.

In base all’adesione non escludiamo uno stretch goals dell’app (work in progress).

Conclusioni

Un progetto utile, che rispetta certe regole che possono servire a preservare l’ambiente, ma soprattutto nato da menti italiane. Ma oltre a Nerd Motel ci sono altri dietro a questo progetto. Uno di questi è Valentino Sergi di Officina Meningi, curatore marketing di molte campagne di gioco di ruolo italiane, oltre che essere l’ideatore di alcuni progetti basati su librogame horror di chiara ispirazione lovecraftiana.
Oltre a Valentino uno dei gestori della campagna Kickstarter prossima ventura è Andrea Baldereschi, volto noto della comunità crowfounding globale che ha all’attivo ben più di un progetto finanziato con successo.

Con tutte queste premesse non possiamo che sperare che tutto possa andare a buon fine e l’Italia possa dimostrarsi, nuovamente, un tassello prezioso nella comunità ludica globale!