DISCLAIMER: Codex Venator è una campagna condivisa per Dungeons & Dragons 5° Edizione, creata da Andrea Lucca, Alex Melluso ed Enrico Romeo. L’ambientazione tratta temi quali razzismo; misoginia; violenza esplicita; estremismo religioso; esperimenti su creature viventi; abuso di potere; limitazioni alla libertà personale e occultismo. Non si tratta di un’ambientazione dalle tematiche leggere e, per questo motivo, è bene che la lettura sia riservata ad un pubblico adulto.
In nessun caso gli autori di questi racconti, delle avventure di Codex Venator o di altro materiale da esso derivato intendono appoggiare o giustificare comportamenti illegali e lesivi della dignità delle persone.

Codex Venator

Attenzione: Questo scritto contiene spoiler sulla seconda stagione di Codex Venator.

Finalmente Erik, finalmente!
I Beccaria sono stati finalmente puniti! La loro avarizia, la loro cupidigia, la loro sete di potere, gli si è ritorto tutto contro!

Le loro infamanti azioni durante la scorta degli “ambasciatori”* del Dogma gli sono costate care. Il Dogma, lo stesso Dogma che ha sempre difeso questa Famiglia, li ha duramente puniti togliendogli tutte le loro proprietà. Con che coraggio si potranno ancora far chiamare Nobile Famiglia Beccaria, quando non hanno più neanche una Villa propria? Questo è il momento che aspettavamo, bisogna colpire ora. La Famiglia Bottigella deve imporsi ed utilizzare le proprie conoscenze per eradicare finalmente questi nemici, per poter finalmente risplendere di gloria.

Inoltre, durante questi giorni l’Impero ci ha dato una grande possibilità. Abbiamo partecipato al volo inaugurale di un gigantesco macchinario volante, che potrà permettere lo spostamento in sicurezza dei civili tra le varie città dell’Impero. Chissà, magari un giorno riuscirò a venire a trovarti, mio caro figlio.
Ma anche i nostri nemici si sono dati da fare. Il Culto della Nebbia si è infiltrato tra i marinai ed ha cercato di sabotare il viaggio. Siamo riusciti a fermarli giusto in tempo, anche se durante lo scontro ho subito gravi danni. Dovrò ringraziare Otello (il Maat), che mi ha salvato la vita uccidendo il cultista che mi aveva gravemente ferito.

Ma gli eventi non si limitano a questo. Durante il viaggio un prestigioso mercante, che di recente si era guadagnato la nobiltà grazie ai suoi affari, è stato assassinato. Ed indovina da chi è stata organizzata la congiura? Dalla moglie, in cerca di un titolo nobiliare (reale e non comprato) e dall’amante, tale Michele Beccaria, in cerca di soldi per ristabilire il buon nome della Famiglia. Ora l’uomo è stato consegnato nelle mani del Siniscalco e tutti noi aspettiamo con ansia il verdetto su di lui e sulla sua intera Famiglia.
Spero che questa, seppur breve, lettera ti abbia riscaldato il cuore figliolo mio, sarà mio compito tenerti aggiornato sullo svolgersi di questi eventi,

Con affetto,
Vittorio Emanuele Bottigella
*v. Seconda lettera di Vittorio Emanuele